Il mercato degli eventi in Italia ha subito una forte inversione di tendenza in positivo nel periodo analizzato dall’Undicesimo Monitor tra settembre 2014 ed agosto 2015. Gli investimenti delle aziende segnano un +4,3% rispetto all’anno precedente, per un volume di spesa pari a 819 milioni di euro. I numeri sono molto positivi e, dai dati raccolti, l’81% delle aziende/organizzazioni hanno intenzione di investire in eventi nei prossimi due anni, con una stima di investimenti che arriveranno a 1.041 milioni di euro.

Tra tante tipologie, gli eventi più organizzati nell’ultimo anno sono stati eventi aziendali seguiti dagli incentive e gli eventi di team building con un lieve calo di congressi e convegni. A differenza delle analisi precedenti si è registrato un aumento di eventi pubblici, culturali, eventi sportivi e di formazione.

La spinta propulsiva di Expo sulla realtà italiana ha influenzato il campo degli eventi lasciando un segno positivo soprattutto sulle PMI, non solo lombarde. Sulla scia dell’esperienza di Expo molte aziende hanno destinato e destineranno una parte del budget di comunicazione in origine destinato ad altri mezzi. Gli eventi si trasformano sempre più in una live communication con un ampliamento della comunicazione dell’evento stesso che si sviluppa anche prima e dopo, attraverso l’utilizzo del digital e di forme di comunicazione come i Social Network; questo per far vivere l’evento completamente attraverso una brand experience.

Per il 2016 il trend sarà quello di dare sempre più spazio all’entertainment, unitamente alla digitalizzazione dell’evento ed alla creatività. Questi saranno i punti più importanti per il successo.